Idee per la città

 
 

home

Garantire coesione sociale e sicurezza

bibliografia Lotta al lavoro nero, all’illegalità ed alla precarietà per restituire ai giovani
interventi serenità e desiderio di migliorarsi vivendo e lavorando nella propria città.
idee Una città che sappia coniugare politiche di accoglienza e di solidarietà con
contatti uno sviluppo sociale ed economico equo e condiviso.

foto


 

Valorizzazione del patrimonio culturale

 
 

Cosenza è, per troppo tempo, rimasta ai margini dei grandi itinerari

comune CS

turistici. Il Museo all’Aperto Bilotti offre alla città l’occasione per ritrovare

provincia CS

visibilità e centralità. A tal fine si impongono scelte coerenti e coraggiose

 
regione

finalizzate alla promozione ed alla valorizzazione del patrimonio culturale

  cittadino in un contesto provinciale, regionale, nazionale e sovranazionale.
 
 
 

Cosenza città della Arti

 

Il Cinema Italia deve diventare un attrezzato e funzionale auditorium

 

dove, sotto l’esempio del Parco della Musica di Roma, i giovani artisti

 

possano sperimentare arte e vocazione musicale. Allo stesso modo è a

 
 

dirsi per il Cinema Teatro Morelli che dovrà essere recuperato alla sua

 

originale vocazione di luogo di cultura così da ospitare spettacoli teatrali,

 

di danza classica e contemporanea nonché rassegne dedicate al Cinema

  indipendente e d’autore. Solo così Cosenza potrà divenire una vera e  
  propria “fabbrica di cultura” capace di generare occasioni di incontro e
  sviluppo sociale ed economico.
 
 

Incrementare la qualità della vita in città

 
 

Città dei ragazzi, Biblioteca dei ragazzi, asili nido, piste ciclabili,

 

gestione ed incremento del verde pubblico, palazzetti dello

 

sport, piscine e strutture sportive comunali devono

 

rappresentare, insieme alla promozione del Cosenza calcio, i

 
 

settori di privilegiato intervento pubblico al fine di rendere la

 

città più vivibile. In questo contesto particolare attenzione dovrà

 

essere riservata all’isola pedonale di Corso Mazzini ed alle

 

piazze, per esempio quelle di Loreto e Fera/Bilotti, da

 
 

valorizzarsi attraverso l’allocazione di numerosi ed ombrosi alberi.

 
 

Una gestione territoriale sostenibile

 

Aumentare gli investimenti nell’edilizia residenziale pubblica ed in quella

 
 

convenzionata anche in forma cooperativa così da contribuire a calmierare i

 

prezzi degli immobili e, quindi, a rendere più accessibile, specie per i giovani,

 

l’acquisto della prima casa. Sostenere programmi di edilizia sociale anche

 

attraverso il recupero del patrimonio immobiliare esistente, specie nel Centro

 

storico dove dovranno prevedersi adeguati spazi per i parcheggi attraverso

 

soluzioni architettoniche eco-compatibili. Nell’ottica di valorizzazione dell’intero

 

tessuto urbano si impone ogni sforzo finalizzato allo spostamento della

 

caserma delle forze armate di via Panebianco che, con la sua ingombrante

 

presenza, rappresenta oggettivamente, un limite alla conurbazione con la città

 
 

di Rende. Stesso discorso vale per la caserma dei Vigili del Fuoco e per la

  Stazione delle Autolinee.
 
 

Valorizzazione del personale comunale e miglioramento dei servizi

 

I dipendenti comunali devono ritrovare l’orgoglio e la dignità del

 

proprio lavoro. A tal fine è necessario ridare serenità

 

all’ambiente troppo spesso turbato da immotivati cambi di

 

dirigenti. Solo così potranno migliorarsi i servizi comunali i quali

 

dipendono, molto spesso, dalla buona disponibilità degli

 

impiegati e dei dipendenti addetti. In questo contesto dovrà

  verificarsi la convenienza di esternalizzazione della
  manutenzione degli spazi pubblici, ivi comprese, strade e
  marciapiedi
 
 

Turismo ed innovazione volano dello sviluppo

 

L’ex Albergo Bologna deve divenire un accogliente Ostello della

 

Gioventù così da contribuire a diversificare l’offerta ricettiva

 

della città. Dovrà darsi rapidamente avvio alla realizzazione del

 

progettato Planetario al quale dovrà essere annesso anche un

 

funzionale ed originale Museo delle Scienze. Questa moderna ed

 

originale struttura dovrà rappresentare, insieme al ponte

 

Calatrava, un fiore all’occhiello della città cui agganciare

  investimenti orientati alla innovazione tecnologica.
 
 

Rafforzare la dimensione civica e democratica della nostra comunità

 

Istituzione di un Osservatorio sulle emergenze sociali capace di

 

individuare le politiche di sostegno più opportune. Forum delle

 

Associazioni culturali al fine di programmare eventi, gestire in

 

maniera condivisa gli spazi e gli immobili pubblici, proporre

 

agevolazioni e misure di sostegno per i più giovani. Istituzione di

 

un Consultorio permanente tra le associazioni di volontariato

 

operanti sul territorio al fine di migliorarne efficienza, funzioni e

 

capacità di intervento. Si impongono, inoltre, decise e moderne

 

politiche di recupero del patrimonio immobiliare pubblico e, in

 

particolare, delle scuole troppo spesso abbandonate a se stesse.

 
 

Rendere efficiente e strutturato il sistema dei trasporti – Politiche di Quartiere

 

La metropolitana leggera che unirà, lungo il percorso dell’ex

 

rilevato ferroviario, il centro della città con Rende e con

 

l’Università dovrà rappresentare una priorità dell’azione politica

 

della nuova guida amministrativa anche al fine di ridare slancio e

 

vigore al tessuto commerciale della città nuova ed alla naturale

 

vocazione turistica del Centro storico. I trasporti pubblici

 

dovranno essere incoraggiati anche attraverso nuove forme di

 

fruizione che prescindano dallo stretto rapporto corsa/biglietto.

 

Solo così si potrà ridurre l’inquinamento atmosferico e si

 

potranno recuperare i Quartieri alla loro originaria funzione di centri

  di aggregazione.
 
 

Il sistema sanitario deve ritrovare centralità

 

L’Ospedale civile dell’Annunziata e l’insieme delle Cliniche

 
 

private operanti sul territorio devono ritrovare unità di intenti

 

con il comune obiettivo di coniugare efficienza e

 

razionalizzazione dei servizi offerti. La politica sanitaria in città,

 

superando le vecchie logiche di contrapposizione

 

pubblico/privato, dovrà, perciò, mirare essenzialmente alla

 

valorizzazione delle professionalità esistenti all’interno delle

 

diverse strutture anche attraverso l’individuazione di punti di

 

eccellenza da ulteriormente promuovere nell’ambito del Piano

  Sanitario Regionale.
 
 

Per uno sviluppo sociale ed economico dell’area urbana

 

Un ruolo fondamentale per lo sviluppo dell’area urbana è quello

 

dell’incremento delle risorse in un quadro di decisiva

 

diminuzione dei trasferimenti statali quale conseguenza delle

 

dissennate politiche del centro-destra. In questa direzione è,

 

quindi, quanto mai necessario coinvolgere il sistema creditizio e

 

le Fondazioni bancarie così da promuovere investimenti misti

 

capaci di generare un adeguato ritorno di immagine per i privati

 

ed un miglioramento dei servizi pubblici. Anche il Quartiere

 

Fieristico dovrà essere oggetto di investimenti attraverso la

 

realizzazione di nuove e più adeguate strutture così da

 

incoraggiare quella vocazione commerciale che Cosenza ha

 

sempre avuto. A questo proposito si impone il

 

ridimensionamento delle aree di parcheggio a pagamento alle

 

sole strade principali ed a forte vocazione commerciale.

 
 

- webmaster -